Contributi per il miglioramento sismico degli edifici privati

Negli albi pretori dei vari comuni sono presenti dei bandi per contributi per INTERVENTI STRUTTURALI DI RAFFORZAMENTO LOCALE O DI MIGLIORAMENTO SISMICO, O, EVENTUALMENTE, DI DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE  DI EDIFICI PRIVATI (OPCM n. 4007 del 29/02/2012 art.2 comma 1 lettera c) e la Redazione di reventino News ritiene di pubblicare uno stralcio di suddetti bandi al fine di divulgarli ulteriormente ed a vantaggio dei cittadini.
Si segnala inoltre che il Centro Studi Prociv (Associazione per la Prevenzione del Rischio Sismico in Calabria) è a disposizione per fornire ulteriori informazioni (gratuitamente !!!).
centrostudiprociv@gmail.com
telefono 329 6483099

"SOGGETTI AMMESSI
Possono presentare domanda di contributo, nei limiti riportati nel seguito del presente avviso, i  proprietari di edifici ubicati nel territorio comunale, che non ricadano nella fattispecie di cui all'art. 51 del decreto del Presidente della Repubblica del  6 giugno 2001, n. 380 nei quali, alla data di pubblicazione della presente ordinanza, oltre due terzi dei millesimi di proprietà delle unità immobiliari sono destinati a residenza stabile e continuativa di nuclei familiari, oppure all'esercizio continuativo di arte o professione o attività produttiva.
1. Gli edifici sono intesi come unità strutturali minime di intervento. Gli edifici possono essere isolati, ossia separati da altri edifici da spazi (strade, piazze) o da giunti sismici, come normalmente accade per le costruzioni in cemento armato o in acciaio edificate in accordo con le norme sismiche, oppure possono costituire parti di aggregati strutturali più ampi. In questo secondo caso più edifici, anche realizzati con tecnologie diverse, in qualche modo interagiscono fra di loro in caso di sisma ed essi vengono identificati dal progettista sulla base di considerazioni riguardanti il livello di interazione fra di essi: se l’interazione è bassa è possibile studiare l’intervento considerando l’edificio indipendente dal resto dell’aggregato. Se così non è il progettista definisce l’unità minima di intervento che ragionevolmente può rappresentare il comportamento strutturale,  oppure considera l’aggregato nel suo complesso. 2
a. Nel caso di condomini costituiti formalmente, la domanda di accesso ai contributi può essere prodotta dall’Amministratore in conformità al regolamento adottato dal condominio.
b. Nel caso di comunioni i proprietari designano all’unanimità, con apposita scrittura privata autenticata un rappresentante della comunione. Questi provvede a redigere la richiesta di incentivo di cui al comma 5 dell’articolo 14, dell'OPCM 4007/2012.
c. L’Amministratore o il rappresentante della comunione provvedono ad individuare il professionista incaricato della progettazione e successivamente l’impresa realizzatrice dell’intervento. Il rappresentante può essere autorizzato a ricevere su un conto corrente dedicato i contributi erogati dalla Regione.
2. La superficie a cui si fa riferimento per la determinazione del contributo è quella risultante alla data di emanazione del presente provvedimento; eventuali ampliamenti consentiti dal piano casa sono a totale carico del beneficiario. Nel caso in cui la ricostruzione preveda una superficie inferiore a quella originaria, l’incentivo viene calcolato con riferimento alla superficie dell’edificio  ricostruito.
IMPORTO DEL CONTRIBUTO 
La misura massima del contributo per il singolo edificio, da destinare unicamente agli  interventi sulle parti strutturali, è quella stabilita dall'articolo 12 dell' OPCM 4007/2012, e sarà assegnata dalla Regione Calabria entro il limite delle risorse ripartite ai sensi dell'articolo 14, comma 2, della stessa  Ordinanza, secondo la seguente tabella:
INTERVENTO CONTRIBUTO
Rafforzamento  locale
 100 euro per ogni mq di superficie lorda coperta complessiva di edificio soggetta a
interventi, con il limite massimo di 20.000 euro per ogni unità abitativa e 10.000 euro per altre unità immobiliari.
Miglioramento sismico
150 euro per ogni mq di superficie lorda coperta complessiva di edificio soggetta a  interventi, con il limite massimo di 30.000 euro per ogni unità abitativa e 15.000 euro per  altre unità immobiliari.
Demolizione e ricostruzione
200 euro per ogni mq di superficie lorda coperta complessiva di edificio soggetta a interventi, con il limite massimo di 40.000 euro per ogni unità abitativa e 20.000 euro per  altre unità immobiliari,
PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA 
La richiesta di contributo, redatta secondo la modulistica riportata nell'allegato 4 della OPCM n.4007/2012, scaricabile dal sito www.regione.calabria.it/llpp/ nella sezione sismica – contributi OPCM 4007, dovrà pervenire, entro le ore 12,00 del giorno 22/11/2012 presso l’Ufficio protocollo del Comune dove è ubicato il fabbricato."
Home page