Il turismo religioso ha un'anima

Anche il viaggio ha un’anima quando si tratta di turismo religioso. E la fede va di pari passo con la promozione del territorio.  Per calamitare nuovi pellegrini, la Calabria  (che ha investito in Aurea la borsa del turismo religioso e delle aree protette organizzata da Spazioeventi)  rispolvera  i suoi 113 santuari, le oltre 2100 chiese, i 9 monasteri e i 18 musei diocesani  per sviluppare  un segmento che può risollevare l’economia regionale… 
…il "cammino" prosegue verso la Sila più impervia. Fra boschi di castagni  e faggi si arriva  in un delizioso borgo, Conflenti ricco di storia e di cibi genuini. Qui il pellegrino può pregare al Santuario della Madonna della Quercia costruito  nel 1578 su indicazione della Vergine che era apparsa per ben tre volte a un pastorello.  Poi può gustare i prodotti rigorosamente locali al ristorante San Pietro dove la tavola è una festa di sapori. (dal sito www.viaggilife.it
Giovanni Paola, dinamico Sindaco di Conflenti, ha fatto ancora centro : i giornalisti italiani specializzati nel turismo religioso (ospiti del Comune giorno 25 ottobre) hanno incominciato a scrivere della Calabria e del Santuario di Conflenti in particolare per come dimostrato dagli stralci che pubblichiamo in apertura di pagina.
Home page