Motta S. Lucia - Premio di poesia dialettale V. Butera


Domenica 28 ottobre 2012 presso la sala Consiliare del Comune di Motta Santa Lucia si è tenuta la premiazione del Primo Concorso Regionale di poesia dialettale “Vittorio Butera”. Il concorso, indetto dall’associazione Confluentis con la collaborazione del Comune di Motta Santa Lucia e con il patrocinio della Regione Calabria, ha come finalità quella di far conoscere la figura di Vittorio Butera e la sua poesia, patrimonio culturale mondiale. Il sindaco Amedeo Colacino spiega che la premiazione del Concorso è anche la  prima uscita ufficiale del neonato Club Lions Lamezia Terme-Valle del Savuto, di cui è onorato di essere presidente . Il Lions Club ha sponsorizzato questa iniziativa perché fra i propri compiti istituzionali vi è quello di promuovere il territorio, e quale migliore occasione può essere per fare ciò se non un concorso regionale di poesia dialettale, che faccia riscoprire un poeta spesso dimenticato e che non faccia perdere il nostro idioma. Il sindaco auspica la costituzione di una fondazione dei poeti del Reventino e della Valle del Savuto, per dare l’immortalità ai nostri poeti e per farli conoscere alle nuove generazioni, in un contesto di valorizzazione delle tradizioni e della nostra cultura. Alla premiazione erano presenti anche discendenti dirette del poeta Vittorio Butera, la prof Mariateresa Rizzo e la scrittrice Vittoria Butera , nonché membri del centro studi Butera, le quali hanno premiato, insieme al prof. Porchia segretario del lions club,i vincitori del concorso. la terza classificata è Luisella Stranges con la poesia “A frangula e ra castagna”, il secondo classificato Giacomo Guglielmelli con “A dieta”e il vincitore del concorso è Ciccio De Rose con la poesia “Cuntravento”. I vincitori sono stati premiati con una targa e con un premio in denaro per i primi due classificati, il secondo classificato Giacomo Guglielmelli ha dichiarato che userà il premio per finanziare la pubblicazione del suo libro, una biografia di un ragazzo disabile, il cui ricavato delle vendite sarà devoluto ad un’associazione di volontariato per assistenza dei disabili. Questo dimostra che oltre ad essere stato un evento di promozione culturale e di riscoperta delle poesie di Butera, il premio è stato anche un modo per non dimenticare le problematiche di chi è meno fortunato.
Angela  Perri
Home page