Comune di Carlopoli - partite le funzioni associate

E’ in fase di rodaggio avanzato la gestione in forma associata delle funzioni previste dal D.L. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012, fra i Comuni di Carlopoli e San Pietro Apostolo. Completate le procedure attivate con gli altri comuni, finalizzate alla gestione in forma associata delle funzioni comunali ormai obbligatorie in quanto si tratta di adempiere ad un preciso obbligo di legge, teoricamente orientata a portare ad un risparmio di spesa anche se, in base alla nota diffusa dal Comune di Carlopoli, sono tante le perplessità emerse sui reali risparmi possibili così per come impone la legge.

Il comune di Carlopoli aveva già proceduto all’ approvazione delle prime due convenzioni ,  con atti consiliari n. 21 e 23 del 17.12.2012, fra i Comuni di Soveria Mannelli (ente capofila), Carlopoli e Decollatura, riguardanti rispettivamente le funzioni di cui all’art. 19 della legge n. 135/2012, lettera g), (servizi sociali) e lettera h) (pubblica istruzione), mentre quella relativa al catasto, inizialmente affidata alla Comunità Montana, non si è concretizzata per soppressione dell’Ente montano. Con successive deliberazioni del Consiglio Comunale n.ri 7, 8 e 9 del 11.08.2014, sono state approvate le convenzioni per la gestione associata delle funzioni di cui all’art. 19 lettere d), i), c) ed e) , riguardanti rispettivamente la: Pianificazione urbanistica, Polizia Municipale e Protezione civile, fra i comuni di Carlopoli e San Pietro Apostolo.

Con delibera n° 16 del 27/11/2014  il Consiglio comunale è stato chiamato ad approvare lo schema di convenzione inerente la gestione associata, fra i comuni di Carlopoli e San Pietro Apostolo, delle seguenti rimanenti funzioni: • Organizzazione generale dell’amministrazione, gestione finanziaria e contabile, art. 19, lettera a), -ente capofila Comune di San Pietro Apostolo-; • Organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale di ambito comunale, ivi compresi i servizi di trasporto pubblico comunale, art. 19, lettera b), -Ente capofila: Carlopoli-; • Catasto, ad eccezione delle funzioni mantenute allo stato dalla normativa vigente, art. 19, lettera c),- ente Capofila: San Pietro Apostolo-; • Organizzazione e gestione dei servizi di raccolta, avvio e smaltimento e recupero dei rifiuti urbani e riscossione dei relativi tributi, art. 19, lettera f), - ente capofila Comune di Carlopoli-.

Completato l’iter amministrativo, entro i tempi previsti dalla legge, scongiurando l’eventuale possibile commissariamento, si è entrati nel vivo della legge passando dalla pratiche burocratiche ai fatti, che nell’atto pratico comportano lo spostamento di alcuni dipendenti comunali (Resp. Ragioneria, Resp. Ufficio Tecnico e Comandante Polizia Municipale) da un comune all’altro a giorni alterni, a tal proposito il Sindaco Talarico specifica che l’unico risparmio che realmente verrà conseguito sarà dovuto alla sola coincidenza del fatto che, sia il precedente responsabile dell’ufficio ragioneria del Comune di san Pietro Apostolo sia il precedente responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Carlopoli sono andati in pensione e pertanto gli Enti comunali risparmieranno circa il 50% dello stipendio dei rispettivi ex dipendenti ormai in pensione. 

Tale scelta politica ed amministrativa, di associare le funzioni proprio tra questi due Comuni, consentirà di assolvere agli obblighi di legge facendo registrare una concreta diminuzione della spesa pubblica il cui risparmio sarà destinato, relativamente al Comune di Carlopoli, a rimpinguare le casse comunali già pesantemente gravate da uno sproporzionato numero di muti accesi, dalle amministrazioni pregresse, ulteriormente aggravati dai debiti fuori bilancio ereditati particolarmente dall’amministrazione che ha governato dal 2003 al 2008.


Unico rammarico manifestato dal Sindaco Talarico è riferito alla mancanza di dialogo e di volontà da parte del Comune di Decollatura, facendo si che non si creassero le condizioni necessarie per costituire, attraverso l’associazione della funzione di Protezione Civile, una sorta di unico gruppo intercomunale. Tuttavia le speranze non sono definitivamente deposte e si auspicano futuri sviluppi positivi in merito, per cui il Sindaco Talarico ribadisce di essere intenzionato a portare avanti l’idea di un gruppo intercomunale di protezione civile che operi nel Reventino a salvaguardia e tutela della popolazione ed in risposta ad eventuali eventi calamitosi o di altra natura, con capofila il Comune di Decollatura dove vi è già presente un gruppo comunale con una importante esperienza ultradecennale.
Home page