Parlare del Museo delle Zappe e darsi la zappa sui piedi è proprio il colmo per l’amministrazione.

Il Presidente del Consiglio e il Vice Sindaco nell’intento lodevole di riportare l’attenzione sui lavori di restauro dell’ex scuola di San Bernardo, e sulla missione primaria di conservare la memoria collettiva decollaturse, hanno finito per darsi la zappa sui piedi perché l’estensore dell’articolo ha stroncato senza appello la cerimonia inaugurale che “Avrebbe dovuto essere essenzialmente il momento ufficiale della consegna alla comunità di una struttura pubblica. Ma l’inaugurazione in piazza della Vittoria ha finito con il caricarsi di venature politico-preelettorali, in previsioni delle consultazioni che il prossimo anno condurranno al rinnovo del consiglio comunale “
Noi, fermi contestatori dell’impostazione partitica della cerimonia, prendiamo atto con piacere dell’articolo  e domandiamo ai due amministratori comunali: anche voi siete convinti che chiha organizzato la manifestazione l’ha caricata di venature e politico-preelettorali? È gradita una risposta.
L’articolo, inoltre,  con la frase  “ La struttura, di proprietà del comune, ubicata al centro del paese, valorizzerebbe la località di San Bernardo” esprime inoltre dubbi sull’effettiva utilità dell’opera per la rivitalizzazione di Piazza della Vittoria.
Anche in questo caso il pensiero degli amministratori coincide con quello dell’estensore dell’articolo?
Restiamo in attesa di pronunciamenti…. 
Per leggere l'articolo originale cliccare sull'immagine
Home page