Ma il bilancio 2016 e il rendiconto 2015 non vanno approvati entro il 30 aprile?

Dalla consultazione dell’Albo Pretorio on line non risulta alcun avviso di convocazione del Consiglio Comunale per l’approvazione, entro il 30 aprile, del bilancio di previsione del 2016 e del Rendiconto del 2015.
A questo punto viene spontaneo chiederci : ma a che punto siamo con questi conti? C’è l’idea di approvarli, anche se in ritardo, prima del giorno delle elezioni?
Noi pensiamo che il Comune sia in grande difficoltà su questi adempimenti, che i numeri che verranno fuori saranno ancora più “fantasiosi” di quelli degli anni precedenti e che dopo le elezioni il Consiglio Comunale eletto dovrà affrontare seriamente, con l’ausilio di persone competenti in materia di contabilità dei comuni, la situazione finanziaria dell’ente, ormai compromessa dall'attuale gestione.
L’aver obbligato una dipendente, competente nel settore amministrativo  ma priva di titolo di studio idoneo ed all'oscuro dei rudimenti della contabilità dell’Ente, a mantenere la responsabilità del servizio finanziario e dei tributi (nonostante la stessa abbia presentato le dimissioni)  è una scelta folle che non trova riscontro in nessun comune d’Italia. E’ da osservare, inoltre, che la “decantata competenza del Sindaco in materia finanziaria” è stata clamorosamente smentita nel corso degli anni dagli atti amministrativi e da certe dichiarazioni contraddittorie e prive di senso.  
Home page