Sindaco la manifestazione di domani è vietata nei 45 giorni antecedenti le elezioni

L’articolo  9 della legge 22 febbraio 2000, n. 28 a stabilisce che “dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni”.
"Al riguardo, si osserva che la ratio della disposizione in esame è di evitare che l’attività di comunicazione istituzionale compiuta dall’Amministrazione durante tale periodo possa sovrapporsi ed interagire con l’attività di propaganda svolta dalle liste e dai candidati, realizzando una forma parallela di campagna elettorale, sottratta a qualsiasi tipo di regolamentazione.
La norma intende, inoltre, impedire l’organizzazione di iniziative pubbliche o di eventi che siano riconducibili in modo chiaro ed univoco ad un soggetto politico, individuato od individuabile, nonché le attività che abbiano lo scopo di proporre un’immagine positiva dell’Amministrazione, evidenziando i meriti del suo operato in modo da promuoverne la riconferma."
Alla luce di quanto premesso la cerimonia in pompa magna di intitolazione della strada, assolutamente non necessaria per rendere efficace la delibera del Consiglio Comunale, è certamente in contrasto con la normativa e andrebbe certamente evitata.
Conoscendo la voglia di protagonismo del Sindaco, nonché del Presidente del Consiglio pronto a mostrarsi con la sua bella fascia costata 400 euro, dubitiamo che gli stessi abbiano il buon gusto di rispettare la legge e quindi di rimandare la suddetta cerimonia al periodo post elettorale. 
Home page