Candidature di scambio… ricatti …pressioni sui candidati… ma succede anche questo a Decollatura?

Ho partecipato a tutte le campagne elettorali degli ultimi 40 anni, particolarmente accese dal punto di vista politico quelle degli anni 70 e 80,  e mai ho conosciuto certi episodi che stanno avvenendo in questi giorni di preparazione delle liste.
Il rispetto per le persone, e per le sue idee politiche, è finito : le pressioni per i favori fatti e per quelli promessi (posti in prossimi bandi ed altre prebende regionali o locali etc etc.) mettono in ansia le famiglie, rompono amicizie pluridecennali, turbano la vita sociale  e provocano sparute transumanze a seguito di qualche piccolo capobranco desideroso di uscire dal suo oblio.
Noi della lista Paese Mio rivendichiamo il merito di non aver infastidito nessun probabile candidato avverso né forzata alcuna candidatura con promesse e prebende.
Il  pressing  attuato su qualche nostro candidato ha avuto l’effetto pari a quello che provoca una mosca che svolazza intorno: disturba un poco ma non fa danno perché la nostra presenza nella società decollaturese è capillare ed a un candidato “pressato” è subito subentrato un altro volontario.
A chi sembra che stia usando troppo il telefono per pressare e cercare di distogliere, o per avere adesioni, vogliamo ricordare che i tabulati telefonici restano,  che il voto, o la candidatura, di scambio sono puniti dalla legge e che noi non ci faremo scrupoli di divulgare pubblicamente ogni comportamento scorretto, attuato prima e dopo la presentazione delle liste, del quale dovessimo venire a conoscenza.   
P.S. Sarebbe bello che venissimo tutti intercettati perché ci sarebbero autentiche sorprese
Home page