Il paese è senza acqua e i responsabili litigano per chi deve comandare di pù. Ma per favore....

Il paese bloccato per pochi cm di neve e la mancanza di acqua sono la conseguenza di una gestione fallimentare imputabile al Sindaco ed alle sue giunte passate,  quella attuale è in carica da pochi giorni e non può essere giudicata, ed a chi ha avuto la responsabilità di tutti i servizi comunali ed ha portato allo sfracello attuale: mancanza di acqua e cartelle pazze e sanzioni per bollette già pagate dai cittadini.
A fronte di questo sfracello la maggioranza di Decollatura Viva è divisa in due tronconi, uno di 5 compreso il Sindaco ed uno di quattro degli ex assessori, che lottano per il predominio . Anche se i  maligni ipotizzano che dietro le lotte  ci siano interessi precisi, uniti ad una voglia smodata di comandare e di apparire, io mi limito  a prendere atto della gravissima situazione e , pur avendo  dichiarato la mia contrarietà a nuove elezioni ed a eventuali raccolte di firme per la decadenza del Sindaco,  invito con Forza il Sindaco, e tutti i componenti della maggioranza di Decollatura  ad assumersi la loro responsabilità ed a riprendere l’attività amministrativa oppure a chiedere scusa e dimettersi immediatamente.  Una agonia amministrativa come quella in atto da alcuni mesi  non serve a nessuno.   
Sindaco, non ti elenco tutti i problemi e i disagi che avete creato, e la vostra incapacità di porre rimedio perché non serve. E’ inutile fare discorsi seri e proposte concrete se i problema sono i 12000 euro in più’ di un  dipendente o un subappalto.  
La maggioranza deva  smettere di discutere e i suoi componenti devono mettersi l’anima in pace e rassegnarsi a non avere “caramelle” perché  le chiacchiere sono circolate troppo e sono arrivate anche ai componenti della minoranza che non permetteranno  certe operazioni.  Per quanto mi riguarda io avvertiro i cittadini, informerò il Prefetto  e se del caso anche l’autorità giudiziaria: delibere come quella della proroga dello Sprar non ne potranno fare più . A proposito della proroga del progetto dei rifugiati come mai gli ex assessori di fronte  ad una delibera assunta in palese violazione della legge anticorruzione, e di altre normative relative agli appalti, non hanno protestato così come hanno fatto per la fognatura da fare a servizio dei cittadini di Bilotta.  Forse era una delle caramelle che il Sindaco in un primo tempo aveva negato?

Mario Perri
Home page